Home / Come fare / Come smettere di mangiarsi le unghie

Come smettere di mangiarsi le unghie

Come smettere di mangiarsi le unghie

Onicofalgia o comunemente chiamata come mangiarsi le unghie, è un’abitudine non molto bella, per vari motivi innanzi tutto porta al rovinarsi le unghie, che s’indeboliscono, si rompono o si sfaldano.

Non solo quest’abitudine denota anche un nervosismo latente oppure dell’ansia repressa, infine fare quest’azione in pubblico è spesso considerato deprecabile.

Esistono però dei metodi per come smettere di mangiarsi le unghie, è meglio utilizzare se possibile dei metodi naturali, ma se proprio questi non funzionano si possono acquistare degli smalti amari appositi per le unghie.

Questi hanno un sapore molto sgradevole in questo modo ogni volta che vi mangerete le unghie non riuscireste a farlo perché appunto hanno un sapore molto amaro.

Come smettere di mangiarsi le unghie con l’aloe vera e l’olio d’oliva

L’olio d’oliva è un rimedio perfetto per tantissime cose e in questo caso lo è anche per smettere di mangiarsi le unghie, vi sembrerà strano, o forse un po’ fastidioso, ma questo rimedio non solo vi aiuterà verosimilmente a smettere di mangiarvi le unghie, ma potrà anche aiutarvi, a curare le unghie.

Infatti l’olio d’oliva ha molte proprietà organolettiche in grado di curare le cuticole e la zona bianca dell’unghia, rafforzandola ed eliminando la possibilità che questa possa sfaldarsi.

Quando ci si mangia le unghie queste tendono a sfaldarsi ossia a creare diversi strati che possono successivamente rialzarsi e diventare molto fastidiosi, queste falde per essere rimosse portano così a tagliare le unghie corte.

Per riuscire a smettere di mangiare le unghie con l’olio d’oliva dovete coprirle con questo due o tre volte al giorno con questo per venti minuti circa. In questo periodo, ogni volta che vi verrà voglia di mangiarvi le unghie non lo farete perché il sapore e la consistenza dell’olio è disgustosa.

Oltre all’olio d’oliva un altro metodo è curativo per l’onicofalgia è l’aloe vera. Questa sostanza è anch’essa curativa e può essere applicata come l’olio d’oliva ossia aggiungendo dell’aloe vera sulle unghie e lasciarla asciugare, ogni volta anche in questo caso che si desidera mangiare le proprie unghie, vi sarà impossibile a causa del sapore amaro.

Come smettere di mangiarsi le unghie con l’olio essenziale di Tea Tree e pepe di Cayenna

Smettere di mangiarsi le unghie, è possibile anche con l’olio essenziale di Tea Tree (Acquista i migliori su Amazon), questo prodotto può essere acquistato in farmacia e in parafarmacia così come online come già suggerito.

Bisogna prendere delle precauzioni nel momento in cui si decide di utilizzare questo olio, perché potrebbe essere non solo sgradevole ma più che altro potrebbe recarvi dei fastidi allo stomaco se ingerito.

Proprio per questo motivo, è necessario se si utilizza l’olio essenziale di Tea Tree diluirlo con altri prodotti che possano sminuire il potere di quest’olio, per diluirlo si possono utilizzare altri oli vegetali come ad esempio l’olio di semi di girasole.

Comunque quest’olio vi impedirà di mangiarvi le unghie ma non solo per il suo sapore ma sopratutto per il suo forte odore.

Un’altra soluzione drastica, per riuscire ad evitare di rosicchiarsi le unghie è sicuramente il pepe di cayenna (Qui le offerte su Amazon), questo oltre ad essere veramente nauseante se ingerito a crudo, potrebbe anche curarle grazie al contenuto di capsaicina.

Per utilizzare il pepe di Cayenna in polvere, dovete diluirlo in olio di oliva o in olio di semi e metterlo sulle unghie, lasciatelo agire per un po’ di tempo, per diverse volte durante il giorno in questo modo riuscirete ad eliminare il vizio di mangiarvi le unghie.

Altri metodi naturali per smettere di mangiarsi le unghie

Come vi abbiamo illustrato fino ad ora esistono vari metodi naturali per smettere di mangiarsi le unghie, alcuni sono più semplici di altri o meglio sopportabili, infine, ci sono alcuni metodi naturali ma veramente insopportabili.

Uno di questi è l’aceto bianco, prendete dell’aceto, mettetelo in una bottiglia con il vaporizzatore, e spruzzatevelo sulle unghie, lasciatelo asciugare il gusto e l’odore saranno sicuramente fastidiosi, e non vi verrà assolutamente in mente di mangiarvi le unghie, però se potete ricordate di farlo mentre siete in casa, perché uscire con le mani che odorano di aceto potrebbe non essere bello.

Un metodo meno drastico e sopratutto che non porti problemi olfattivi, potrete provare due metodi che vi permetteranno di uscire anche con l’unguento applicato e asciugato sulle dita. Il succo di limone e di pompelmo sono due di questi. Il succo di limone o di pompelmo non devono essere applicati, assolutamente, quando sono presenti delle ferite sulle dita, perché il bruciore potrebbe essere molto fastidioso.

Se non avete ferite procedete pure con il succo di limone o pompelmo, prendete questi frutti e spremeteli, una volta spremuti, o li mettete in un nebulizzatore oppure, potete scegliere di mettere il succo in una vaschetta e immergerci le mani e lasciarle nel liquido per cinque minuti, uscirle dal liquido lasciare asciugare e così tenere le unghie impregnate di limone e di pompelmo per venti minuti.


error: Content is protected !!