Home / Significato dei nomi / Significato del nome Valeria: origine e onomastico

Significato del nome Valeria: origine e onomastico

Significa etimologia nome Valeria

Vi piace il nome Valeria e state pensando di darlo a vostra figlia? Conoscete una persona che porta questo nome e siete curiosi di capire se il nome sia adatto al suo modo di essere e di porsi e alla sua personalità?

O più in generale vi piace scoprire origine e significati dei nomi? Questo spazio fa senza dubbio al caso vostro.

Analizzeremo infatti  nelle righe seguenti il nome Valeria, le sue origini, il suo significato, la varianti e ovviamente parleremo anche dei santi che portano questo nome. Al termine di queste righe, il nome Valeria non avrà più segreti per voi e saprete se tenerlo o meno in considerazione.

Origine e significato del nome Valeria

Il nome Valeria significa letteralmente “colui o colei che sta bene”. Si tratta di un nome di derivazione latina, dal momento che trae le sue origini dal verbo “valeo” che significa appunto “valere, stare bene”.

La persona che porta questo nome è un soggetto estremamente attivo e dinamico, che dunque si stanca facilmente se costretto a periodi di noia o di inattività forzata.

Si tratta di una persona divertente, solare e simpatica, che tuttavia in determinati contesti potrebbe risultare timida.

Purtroppo ai più superficiali questa timidezza potrà apparire come altezzosità, occhi sensibili e attenti noteranno però che la freddezza iniziale è legata solo alla necessità di studiare bene la situazione e i suoi relativi attori prima di esporre la propria personalità.

Dare dunque alla propria figlia questo nome, vuol dire augurarsi per lei un futuro di salute, di equilibrio, di serenità e di prosperità. L’equilibrio nasce dal fatto che il nome rimanda a valori di robustezza ma non di cattiveria, di violenza o di supremazia.

Quella di chi si chiama Valeria è infatti una forza d’animo esclusiva, ferma ma gentile. Valeria è anche una persona estremamente fedele, ma a patto che non venga costretta a periodi o situazioni di noia, sensazione che la scoraggia molto e la porta ad allontanarsi o a spegnersi.

C’è da precisare, tuttavia, che il carattere creativo porta Valeria a trovare sempre nuovi spunti, anche dove altri non li troverebbero.

Quando si festeggia Santa Valeria?

La Santa Valeria più nota si festeggia in data 28 aprile. Santa Valeria di Milano era la moglie di San Vitale e la madre dei santi martiti gemelli Gervasio e Protasio.

La santa ha vissuto nel terzo secolo e, subito dopo la morte del marito, si impegnò per portare il corpo a Ravenna, dove però venne bloccata dai cristiani del luogo.

Decise quindi di dirigersi verso Milano, ma dei contadini pagani la bloccarono prima di entrare e, davanti al rifiuto della donna di rimanere con loro, la picchiarono fino a provocarne la morte. Non vi è una immagine o una raffigurazione di questa santa.

A questo nome viene solitamente accostato il colore blu, il mercurio tra i metalli e lo zaffiro tra le pietre.

Personaggi famosi col nome Valeria

Non mancano anche i personaggi famosi che portano questo nome. Possiamo citare, tra le altre, l’attrice Valeria Solarino e la bellissima modella Valeria Mazza, oltre che alla bellissima e formosissima show girl Valeria Marini.

Al nome Valeria fanno riferimento anche alcune varianti e diminutivi, come ad esempio Vale, Valerina, Valeriana o ancora Valeri e Valerienne (varianti francesci) o Wally (variante inglese).

Alla luce di quanto sopra, possiamo concludere che Valeria può essere nominata tra i nomi con origine classica ma sonorità moderna e capaci di infondere un significato senza dubbio positivo alla persona che si trova a portarlo.

Non è un nome troppo diffuso e quindi banale e può essere quindi valutato qualora si sia alla ricerca di un nome classico e non soggetto a mode, ma non troppo diffuso o inflazionato.