Home / Significato dei nomi / Mattia, il significato del nome, l’origine e tante curiosità

Mattia, il significato del nome, l’origine e tante curiosità

Significa etimologia nome Mattia

Il viaggio di oggi ci permetterà di conoscere nel dettaglio il nome Mattia, un nome diffuso e apprezzato nella nostra nazione.

Capiremo origine, significato, caratteristiche di questo nome; analizzeremo le varianti che assume in altri paesi, ci concentreremo sui santi che lo proteggono; curioseremo tra le persone che portano questo nome, passando in rassegna anche quali sono i loro portafortuna.

Origine e significato del nome Mattia

Mattia è un nome di origine ebraica che significa letteralmente “Uomo di Dio” oppure “Dono di Dio“.

Il nome contiene dunque un esplicito riferimento a Dio, è per questa ragione che chi lo porta è considerato una persona degna di nota, ammirazione, rispetto.

Mattia è una persona pacifica, capace di schierarsi sempre dalla parte del giusto e di difendere le sue posizioni senza apparire arrogante o violento, appoggiandosi solo ed esclusivamente alla giustezza delle cause che sposa.

Mattia è anche un amico fedele, un collega onesto, una spalla alla quale appoggiarsi in caso di problemi o dubbi, un padre amorevole ma capace di inculcare con fermezza i giusti valori.

Equilibrio e dolcezza dunque fanno di Mattia una persona alla quale si sta accanto con piacere.

Quando si festeggia san Mattia?

L’onomastico di chi porta questo nome viene festeggiato negli stessi giorni in cui si festeggia San Matteo e dunque 24 febbraio; oppure 14 maggio in occasione di San Mattia apostolo; infine il 21 settembre, giorno dedicato a San Matteo apostolo ed evangelista.

Ci soffermiamo in particolare sulla figura di San Mattia Apostolo, il santo che appunto porta in maniera precisa il nome di Mattia.

Egli fu uno dei 70 discepoli di Gesù, che si accostò al figlio di Dio in occasione del suo battesimo e gli rimase accanto fino all’ascensione.

È nel nuovo Testamento e in particolare negli Atti degli Apostoli che il suo nome trova spazio. Nei giorni successivi all’ascensione di Gesù infatti, l’apostolo Pietro presentò ai 120 apostoli la necessità di sostituire l’apostolo Giuda Iscariota che come noto aveva tradito Gesù.

Tra tutti, furono nominati Giuseppe Barsaba e Mattia e proprio quest’ultimo ebbe la meglio.

I suoi resti vengono conservati a Padova, nella Basilica di Santa Giustina in un’arca marmorea, anche se secondo alcuni l’imperatrice Elena avrebbe portato a Roma parte di esse.

Diffusione del nome e personaggi famosi

Il nome è molto diffuso nella nostra nazione, sia nel formato originario che in varianti come Matteo, e in declinazioni meno frequenti Maffeo, Mazzeo, Teo.

Il nome è presente anche oltralpe con declinazioni quali Matthias, Mathias, Matthew, Matèo, Matías.

Diverse e appartenenti a tutti i settori sono le persone che portano il nome di Mattia. Citiamo tra gli altri il motociclista Mattia Pasini, il matematico Mattia Azzarelli, il pittore Mattia Preti; e ancora il pittore e scultore Mattia Moreni e il velista Mattia Camboni.

Moltissimi anche i calciatori, da Mattia Destro a Mattia Finotto, da Mattia Maggio a Mattia Minesso; e ancora, da Mattia Perin a Mattia Serafini, da Mattia Vitale e Mattia Viviani.

Curiosità sul nome Mattia

Tra i simboli considerati portafortuna per chi porta questo nome troviamo tra gli animali il giaguaro, tra le piante il fico, tra i colori il giallo.

È doveroso ricordare che in tema di significato e associazioni molto di quanto detto può essere applicato anche al nome Matteo.

Sta dunque al soggetto definire e selezionare il nome che più lo soddisfa in termini di sonorità, di associazioni e accostamenti personali e perché no di accostamento al cognome.

Per le stesse ragioni, non di rado troviamo dei Matteo che preferiscono farsi chiamare Mattia e viceversa. Certo è che dopo questa carrellata di informazioni il nome non dovrebbe avere per voi più alcun tipo di segreto.