Home / Significato dei nomi / Significato del nome Martina: scopriamo l’origine e l’etimologia del nome

Significato del nome Martina: scopriamo l’origine e l’etimologia del nome

Significa etimologia nome Martina

L’articolo seguente è dedicato al nome Martina.

Parleremo delle sue origini, del suo significato, della sua diffusione e di tutto quello che è utile sapere su questo nome.

Alla fine dell’articolo potrete dunque capire se le persone che conoscete e che portano questo nome ne rispecchiano l’essenza e se questo nome così musicale sia quello giusto per vostra figlia.

Un accento particolare verrà posto anche sulla variante maschile del nome, meno diffusa ma altrettanto interessante e ricca di spunti.

Origine e significato del nome Martina

Il nome Martina è un nome di derivazione latina. La parola martinus in latino vuol dire “sacro al Dio Marte“, ecco perché coloro che portano questo nome sono protette dal dio della guerra.

Il carattere di Martina è solitamente originale, l’intelligenza di tipo intuitivo. Martina si presenta come una donna devota, una madre presente e una ottima padrona di casa.

L’amore per la famiglia è proprio una caratteristica basilare di chi porta questo nome e tiene molto a mantenere il suo nucleo unito e sereno.

Simili le caratteristiche anche di coloro che portano questo nome nelle sue varianti maschili.

Bambini indipendenti, ma diligenti, quasi sempre da grandi sono padri di famiglia attenti e coscienziosi, uomini che si dedicano con scrupolo e dedizione al lavoro.

Fedeli solitamente non sono inclini a colpi di testa, se non in situazioni estreme o dopo aver esaurito la seppur abbondante pazienza.

Il segno zodiacale associato a questo nome è quello dei pesci, il numero porta fortuna il numero 3, il colore il giallo, la pietra il diamante, il metallo l’oro.

Soffermandoci sul numero “3” possiamo evidenziare come esso sia considerato il numero perfetto, simbolo della triade e legato al pianeta Giove. Il numero nasconde una tendenza al movimento, alla crescita, alla trasformazione comunque nel rispetto di quella che è l’essenza dell’io e del mondo, senza quindi sforzare l’ordine universale.

L’armonia è dunque la principale dote associata a questo numero. Analizzando invece l’associazione con il colore giallo, emerge la capacità del soggetto di accogliere con gioia ogni novità, senza lasciarsi preoccupare o frenare dalla paura del futuro.

Allo stesso modo, il colore nasconde una elevata tendenza al pragmatismo, dote che accomuna il giallo al profilo caratteristico di chi porta il nome Martina o Martino.

Se la variante femminile di questo nome si registra in tutta la nazione, il nome maschile è presente soprattutto al Nord dove questo significato viene comunque confermato e rimarcato.

Martina: onomastico e personaggi famosi

Ad incidere sulla diffusione del nome, è stato senza dubbio San Martino di Tours. Si tratta di un soldato imperiale diventato poi vescovo, che un giorno davanti ad un povero mendicante infreddolito si tolse il suo mantello e gliene diede metà per proteggerlo dal freddo. la tradizione vuole che, subito dopo questo gesto, il sole sia apparso per scaldare il povero, dando così inizio alla cosiddetta “estate di san Martino“.

La tradizione cristiana, registra però la presenza di altre figure importanti con questo nome. È il caso ad esempio di Santa Martina, martire sotto il regime di Alessandro Severo, e san Martiniano, il carceriere di San Pietro poi convertito.

Chi dunque porta questo nome può decidere di festeggiare il proprio onomastico l’11 novembre, in concomitanza appunto con San Martino di Tours, il 3 o l’11 gennaio (giorno in cui si festeggia San Martiniano), il 30 gennaio, in occasione di Santa Martina martire, il 13 aprile in onore di papa Martino I.

Il nome è comunque molto apprezzato e diffuso. Sono circa 20.000 le Martine presenti nella nostra nazione, solo 3.000 invece i Martini che si collocano soprattutto al nord. Il conteggio tiene chiaramente in considerazione anche i vari diminutivi e le diverse varianti (Martiniana, Martiniano, Martinella, Marta).

In tema varianti, evidenziamo che il nome è diffuso anche all’estero, dove abbondano soggetti che portano i nomi di Martin, Martinus, Marty, Martyn o Martine.

A portare questo nome, in Italia come all’estero, sono anche moltissimi personaggi famosi. Passiamo da Martin Lutero a Martin Luther King, dal filosofo Heidegger, passando per la show girl Martina Colombari.

Sondaggi e statistiche definiscono questo nome apprezzato, diffuso ma non inflazionato e gradito anche da chi lo porta nella sua variante femminile.

Meno universale è invece l’apprezzamento per la variante maschile, probabilmente a causa della più ridotta diffusione.