Home / Significato dei nomi / Nomi Africani, alla scoperta della loro etimologia e significato

Nomi Africani, alla scoperta della loro etimologia e significato

Nomi Africani significato etimologia diffusione maschili femminili

L’intrecciarsi delle culture e la globalizzazione hanno fatto sì che sempre più spesso si guardi oltre il  confine nazionale anche nella scelta dei nomi da dare ai nostri figli.

In primis probabilmente sono stati i telefilm americani ad ispirarci, adesso però interessanti spunti possono arrivarci anche dal continente nero. Proponiamo di seguito una serie di nomi di origine africana, con i relativi significati in modo che possiate prenderli in considerazione per dare un nome ai vostri figli.

Scegliere un nome africano vuole dire selezionare un nome con un significato importante. Vediamo quali sono i più famosi e comuni.

Nomi africani femminili

Tra i noi femminili possiamo citare Afra, nome che indica “colei che viene dall’Africa” e che viene festeggiata il 04 maggio; Alisia, nome il cui significato vuol dire “donna dall’aspetto nobile”, e quindi facilmente associabile a donne nobili e principesse.

Proseguiamo con il nome Ariell; questo nome, festeggiato il 03 agosto, rimanda al concetto “di forza e di potenza” e viene associato solitamente al colore rosa e alla pietra del topazio.

Noto e apprezzato è anche il nome Asia che si festeggia il 27 luglio ed indica una “persona trasparente”.

Proseguendo in ordine alfabetico troviamo nomi quali Clodia, Cloe, Corinna. Il primo significa “zoppo” e può essere tradotto come Claudia in italiano. Può essere festeggiato il 18 febbraio o il 20 marzo e viene associato al colore viola e alla pietra ametista.

Cloe invece, che significa “erba tenera” ed è associata al colore blu e allo zaffiro, non ha un giorno dedicato e viene festeggiata in occasione della festività di Ognissanti. Inizia con la lettera “c” anche il nome Corinna, che vuol dire “fanciulla” e viene festeggiata il 14 maggio.

Apprezzati e utilizzabili e utilizzati anche in Italia sono nomi quali Ines, Elide, Leda. Il primo nome vuol dire “casta” ed è associato allo smeraldo. La santa che porta questo nome si festeggia il 21 gennaio o il 20 Aprile.

Poche sono invece le informazioni disponibili sul nome Elide, mentre Leda vuol dire “donna sposa”.

Di seguito la lista con i nomi femminili africani più comuni nel continente, col relativo significato:

  • Aatoom (insegnante),
  • Abena (nata nel 56),
  • Abeni (desiderata e ricevuta dopo preghiere),
  • Abiba (nata dopo la morte della nonna),
  • Abida (servitrice),
  • Abiona (nata durante un viaggio),
  • Abla e Ablah (donna dalle forme perfette),
  • Ada (molto bella),
  • Adana (nata da un padre),
  • Adanè (figlia della madre),
  • Adhra (scusa),
  • Adisa, Akia, Alaba (secondo figlio dopo la nascita di due gemelli),
  • Alam (universo),
  • Aleema (dotto, sapiente),
  • Amara, Ayodele; Batool (vergine), Baba, Bwana; Carama, Ghazala (agile come una gazzella),
  • Leabuna, Lisimba, Lubamba, Lusala.

Come avrete potuto notare, alcuni nomi vengono scelti per dare informazioni importanti sulla neonata, e quindi per capire di più quella determinata persona. La stessa cosa succede anche con alcuni nomi maschili.

Nomi africani maschili

Spostiamoci adesso sull’universo maschile. Qui troviamo nomi quali Denis, il cui significato è “Dio del vino”, Eros nome di origine greca che vuol dire “amore”, Fedro che ha invece il significato di “lupo”.

I nomi appena citati suonano bene anche in italiano, ci sono invece dei nomi dal carattere più etnico.

È il caso di nomi come Aamil che vuol dire “obbediente e diligente”, Aaqua “proprietario, gestore”, AAqqil (“sapiente”), Aarif “protetto dagli esperti”,  Aashiq (“amante”), Aasim (“guardia”), Aazaad (“uomo libero nell’anima”), Aba (“padre dei popoli”), Abd (“schiavo”), Abdal Malik (“servo del re”), Abdalla e Abduh (“servo di Allah”).

Il nome Abdul (che significa servo) è componente di molti nomi composti. Abdul Aalem ad esempio vuol dire “servo dell’Altissimo”, Abdul Azeem “servo dei potenti”, Abdul Azez “servo del potente”, Abdul Hakim “servo della strada”, Abdul Mutaam “servo dell’Altissimo” e così via.

Proseguiamo la carrellata di nomi maschili quali:

  • Abed (fedele adoratore),
  • Abedin (adoratore),
  • Abejide (venuto alla luce nel periodo invernale),
  • Abid (servo),
  • Abidemi (nato senza padre),
  • Abu (nobile),
  • Abul Khayr (colui che fa),
  • Abyan (che sa discernere),
  • Abyaz (bianco brillante),
  • Adda (colui che la mattina parla),
  • Addo (nobile),
  • Ade (della Nigeria),
  • Adem (che arriva dalla terra),
  • Adham (nero),
  • Alavi (divuno),
  • Basir (dotato di grandi doti di intuizione),
  • Danna.

Gli elenchi potrebbero continuare a lungo, quello che si evince è il significato che ad ogni nome viene dato e che deve essere tenuto in debita considerazione se si vuole essere certi di dare il nome giusto alla vita che sta per arrivare.


error: Content is protected !!