Home / Significato dei nomi / Etimologia del nome Luca, qual è il significato? Onomastico e curiosità sul nome

Etimologia del nome Luca, qual è il significato? Onomastico e curiosità sul nome

Significa etimologia nome Luca

Oggi ci occupiamo del nome Luca. Capiremo da dove deriva, quale sia il suo significato, quali sono le curiosità che allo stesso si legano, quali associazioni si possono fare quando lo sentiamo nominare.

Daremo insomma un quadro completo sulle origini di questo nome e su tutto quello che attorno allo stesso ruota, consapevoli del fatto che si tratta di un nome semplice da pronunciare, breve, apprezzato e senza dubbio molto flessibile.

Le origini del nome Luca e quando si festeggia

Il nome Luca è un nome proprio maschine di origine  classica, dunque greco-latina. L’etimologia del nome deriva dal latino lux-lucis, che vuol dire appunto luce, o da lukàs- lùkios che significa invece onde- fascio. In entrambi i casi dunque rimanda a qualcosa che illumina.

Il Luca probabilmente più noto nella storia e nella religione è San Luca Evangelista da Roma, patrono dei pittori e degli artisti in genere, che viene festeggiato il 18 ottobre.

Nato nel 9 ad Antiochia di Siria, il santo morì a Tebe il 18 ottobre del 93. Viene ricordato soprattutto per essere stato l’autore del Vangelo secondo Luca oltre che degli Atti degli Apostoli, è per questo che è una figura fondamentale del nuovo testamento.

La sua figura è stata soggetta ad una serie di interpretazioni spesso diverse e contrastanti, stando alla lettura cristiana della sua vita, il santo sarebbe stato un medico (ecco perché è citato come protettore anche di questa categoria professionale da più parti) che nella città di Antiochia aveva fatto amicizia con Paolo di Tarso, grazie al quale si sarebbe poi avvicinato a Gesù. A riprova di ciò, in diverse scritture di Paolo viene citato come “caro medico” o “compagno di lavoro”.

Paolo lo cita anche in un momento molto significativo, ovvero in una lettera scritta in carcere quando sottolinea di essere stato abbandonato da tutti, tranne che da Luca. Il resto della sua storia, delle sue esperienze, delle sue visioni, si trova nei libri che ha deciso di scrivere e che sono stati fondamentali per la diffusione della cultura cristiana.

Le caratteristiche di chi porta questo nome

Il nome come abbiamo detto rimanda al concetto di luce ma paradossalmente chi lo porta è un soggetto ombroso. Attenzione perché l’ombra che caratterizza chi porta questo nome non è negativa, ma solo volta a proteggere una personalità che ha bisogno di vedere ben chiari gli spazi all’interno dei quali si muove prima di esporsi.

Affidabile, legato agli affetti familiari e personali, Luca è una persona attiva, fattiva, affidabile, positiva, volitiva.

L’animale che si associa a chi porta questo nome è lo zebù, la pianta il caprifoglio, il colore principale l’arancione.

La diverse varianti e chi porta il nome Luca

Luca è il nome più diffuso, ma molto note sono anche le diverse varianti del nome stesso. Parliamo ad esempio di Lucio, Lucietto, Luchino, della versione femminile Lucia. Spostandoci oltre confino non mancano varianti come Luc, Lcas, Lukas, Luke, Lucky, Lùcas.

E’ bene ricordare che il nome entra nella composizione anche di diversi nomi composti, come ad esempio Gianluca (o Gian Luca), Lucangelo (o Luca Angelo), Marialuca (o Maria Luca), Lucamaria (o Luca Maria).

Tra le persone “famose”, che portano questo nome possiamo citare Luca Signorelli, Luca della Robbia, Luca di Leida, Luca Giordano, Luca Cranach, Luchino Visconti, Luca Goldoni, Luca Giurato, ma l’elenco risulta davvero molto copioso se si considera che di fatto in ogni professione è possibile rintracciare persone che portano questo nome.

È il caso ad esempio di Luca Bigazzi (direttore della fotografia), di uomini sportivi (come ad esempio Luca Toni), di filosofi come Luca Fonnesu e Luca Taddio, di fumettisti come Rossi e Raimondo,  di molti altri ancora.