Home / Come fare / Licenza tabacchi: Come richiederla e quanto costa

Licenza tabacchi: Come richiederla e quanto costa

licenza tabacchiSono diverse le attività che oggi desiderano aggiungere ai loro servizi anche quello della vendita delle sigarette, naturalmente i negozi principali che offrono questo servizio sono i tabacchini, ma non si esclude la possibilità di riuscire ad ottenere una licenza tabacchi anche nel caso in cui si possieda una stazione di servizio, un bar, ristoranti, stabilimenti balneari, stabilimenti sciistici.

Difficilmente infatti, si richiede una licenza tabacchi per negozi di altro genere anche perché questa non verrebbe concessa dall’organo regolatore delle licenze per la vendita delle sigarette.

Lo stesso discorso vale per i gratta e vinci, e altri giochi che possono essere accettati solo presso alcune attività, mentre presso altre e al quanto impossibile ottenere il via alla vendita.

Riuscire ad ottenere una licenza tabacchi infatti implica una serie di fattori che devono essere rispettati e al contempo vagliati nella loro veridicità dall’AAMS.

Per fare la richiesta al contempo, è necessario seguire un preciso iter burocratico che terminerà nel momento in cui l’AAMS deciderà se accettare o meno la richiesta dell’interessato.

Potrebbe anche interessarti: 

Recensioni E-Commerce e servizi

Quali sono le licenze tabacchi che si possono richiedere

Per acquistare una licenza tabacchi, non c’è bisogno esclusivamente di seguire il giusto iter burocratico ma ci sono anche dei costi da affrontare al fine di ottenerla. Questo dipende dal fatto che la distribuzione dei tabacchi in Italia non è libera ma questa viene affidata all’AAMS che ne ha il monopolio.

La rivendita di tabacchi, inoltre si distingue in base alla tipologia di rivendita che si appresta a fare la richiesta, la più comune è la rivendita ordinaria che è quella attribuita alle normali tabaccherie.

Infatti, se si decide di aprire un tabacchino prima di procedere all’allestimento del locale è necessario richiedere la rivendita ordinaria per la licenza tabacchi.

Oltre alle rivendite ordinarie esistono altre tipologie di rivendite come quelle speciali che sono quelle istituite presso le stazioni, i porti, gli istituti penali, le caserme e le aree di servizio in autostrada.

Infine, ci sono i distributori automatici che solitamente sono sempre di competenza delle tabaccherie e i patentini quest’ultimi vengono rilasciati solitamente ai locali molto frequentati come bar, pub, e stabilimenti balneari.

Come ottenere la licenza tabacchi per aprire una tabaccheria

Per riuscire ad ottenere la licenza tabacchi per aprire una tabaccheria, bisogna innanzi tutto presentare una domanda in qualunque periodo dell’anno direttamente all’ufficio di competenza territoriale dell’AAMS.

In questa domanda bisognerà inserire i propri dati personali, dove verrà ubicata e quindi dove opererà nel caso la tabaccheria.

Una volta inviata la domanda, l’ufficio territoriale in base alle domande che ha ricevuto, controllerà la disponibilità o meno di permettere l’avvio di una nuova licenza sul territorio. In caso sussista la possibilità di aprire un nuovo tabacchino nella località indicata l’ufficio scegliere chi tra coloro che ha presentato la domanda di licenza ordinaria potrà vedersela assegnata.

Per legge, nei comuni con una popolazione inferiore ai 30.000 mila abitanti si fa un concorso riservato a categorie protette, che se formulata la richiesta hanno la precedenza su le categorie non protette.

Il Concorso riservato a queste particolari categorie tiene in conto nell’ordine di preferenza: profughi che avevano un’analoga licenza nei territori da cui provengono; invalidi e vedove di guerre e tutte le categorie ad essi equiparate; uomini e donne decorati al valor militare, invalidi e mutilati con riduzione della capacità lavorativa con un minimo del 40%. Vedove dei caduti sul lavoro.

A parità di titoli fra le richieste verrà riconosciuta la licenza a chi ha proposto il locale ritenuto maggiormente idoneo all’avvio dell’attività.

Nei comuni con un numero superiore ai 30,000 abitanti vengono assegnate le licenze messe a disposizione dall’AAMS nel anno in corso mediante un’asta pubblica, a patto che coloro che partecipano, senza limitazioni, dimostrino di avere un locale disponibile nella zona del comune nel quale viene preposta l’asta.

Gli avvisi delle ASTE e tutte le informazioni in merito alla compilazione dei moduli per l’ottenimento della licenza tabacchi sono disponibili sul sito www.aams.org.it.

In caso comunque, di ottenimento della licenza, prima dell’apertura di un tabacchino è necessario seguire un corso di formazione per tabaccai obbligatorio.Si può avere sia un esito positivo che negativo e solitamente l’esito viene mandato già a inizio aprile.

Se il responso è affermativo, arriverà a casa una raccomandata che indicherà il giorno e la data nella quale si svolgerà l’indizione di gara, cioè una sorta di competizione che enuncerà coloro che avranno conquistato la licenza.

Invece l’esito sfavorevole potrebbe riceversi ad esempio per sbagliata redazione del modulo di richiesta o per la scelta della città/paese dove esercitare (non sia presente un numero sufficiente di abitanti). Entro dieci giorni bisognerà avere tutta la documentazione per l’apertura della partita iva, per avere tutto in regola.


error: Content is protected !!