Home / Salute e Benessere / Come far passare il singhiozzo: cause e rimedi

Come far passare il singhiozzo: cause e rimedi

Come curare il raffreddore cause e rimedi

Il singhiozzo è una delle cose più fastidiose che possono venire, e che chissà perché si presenta sempre nei momenti meno opportuni. Come far passare il singhiozzo certe volte può diventare un vero dramma perché spesso accade che questo perduri anche per ore.

Il singhiozzo è causato da delle contrazioni involontarie del diaframma, il muscolo che solitamente si utilizza durante l’inspirazione. Infatti, il singhiozzo è spesso il sintomo di cattiva respirazione durante un’attività. Ad esempio se si mangia troppo velocemente è molto probabile che una volta finito di mangiare possiate essere sorpresi da uno sgradevole singhiozzo, stessa regola vale per quando si beve con troppa foga e senza quasi respirare.

Come far passare il singhiozzo i metodi della nonna

Ogni volta che il singhiozzo si presenta esistono dei metodi, forse antichi come il cucco, che chiunque di noi conosce e che almeno una volta nella vita ha provato. Purtroppo non sempre questi metodi funzionano.

Il primo metodo “della nonna” per far passare il singhiozzo è sicuramente quello di non respirare per dieci secondi, e poi rilasciare l’aria. Questo rimedio va applicato fino a quando non smettete di singhiozzare.

Il secondo metodo è quello di bere dell’acqua, ogni volta che si ha il singhiozzo la prima cosa che viene offerta è l’acqua, non sempre però questo rimedio può considerarsi valido. Infatti, se si beve velocemente invece di far sì che il singhiozzo se ne vada, ne prolunghiamo la persistenza.

Leggi anche:

Come dimagrire le gambe

Il terzo è ultimo metodo utilizzato per far passare il singhiozzo, è forse il più divertente ma in realtà il più efficace fra questi. Il metodo della filastrocca. Quando avete il singhiozzo, il problema risiede nella cattiva respirazione, quindi dicendo una filastrocca, l’attività del diaframma si normalizza e voi potete riportare la respirazione alla normalità, facendovi passare il singhiozzo.

In ogni regione d’Italia esiste una filastrocca proprio dedicata a far andare via il singhiozzo, naturalmente non saranno le sue parole a farvelo andare via, ma bensì il fatto che la recitiate, quindi potete scegliere anche una filastrocca qualsiasi, se il singhiozzo è lieve andrà via poco dopo.

Come far passare il singhiozzo altri metodi efficaci

I metodi per far passare il singhiozzo non sono mai abbastanza, quindi se ne venite colpiti potete provare le teorie a una a una fino a quando non riuscite a farlo passare.

Innanzi tutto, per riuscire a togliere questo fastidioso spasma, potete provare a solleticare leggermente sotto la vostra lingua con un conton fioc o con una paletta di legno come quella del dottore, o come lo stecco del gelato.

Se questo metodo non ha funzionato, si può sempre tentare di mettere un cucchiaino di zucchero sulla parte interna della lingua, e lasciarlo sciogliere compiere quest’azione distrarrebbe il cervello che farebbe ritornare al suo normale funzionamento il diaframma.

Un metodo molto conosciuto è invece quello che consiste nel gonfiare un palloncino. Con questo metodo, riuscirete a normalizzare la respirazione, facendo si che il diaframma non si comprima più in cattivo modo. Il palloncino dev’essere gonfiato a riprese e non velocemente, per ottenere l’effetto desiderato.

Un modo non proprio simpatico di eliminare una volta del tutto il singhiozzo e cercare di fare dei rutti, in questo modo farete fuoriuscire l’aria che ha causato il malessere.

Infine, potete provare ingerendo varie sostante dalle calmanti come la camomilla, la menta, la lavanda, il timo e la valeriana, oppure potete provare con bevande acide come l’aceto o il succo del limone.

Il singhiozzo persistente cause e metodi di cura

Il singhiozzo non è sempre un episodio fine a sé stesso. Alcune persone infatti, si sono rese conto di avere il singhiozzo anche più volte in una giornata.

Se è successo anche a voi, in questo caso è arrivato il momento di controllare lo stomaco. Infatti, per quanto possa essere strano il singhiozzo è un’avvisaglia di malattie del tratto intestinale e dello stomaco, solo naturalmente se questo persiste per giorni o durante l’arco di un’intera giornata.

Il singhiozzo persistente è causato da malattie come la gastrite, questo virus infatti, fa gonfiare lo stomaco e con alcuni alimenti può causare un irritazione intestinale che porta al singhiozzo persistente.

Non è però l’unico problema che il singhiozzo potrebbe portarvi all’attenzione infatti, questo può essere causato anche dai nervi, quindi potreste essere molto stressati, oppure avere dei problemi con le terminazioni nervose.

Un’altra causa clinica del singhiozzo persistente infine, potrebbe essere un problema al pericardio la guaina di rivestimento del nostro cuore. Quindi, come far passare il singhiozzo persistente? Bè, l’unico modo è rivolgervi al medico, controllare il vostro stato di saluto, sottoporvi a delle analisi  che potranno diagnosticare il problema.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!