Home / Diete / Dieta della frutta, ecco come dimagrire senza pesare il cibo

Dieta della frutta, ecco come dimagrire senza pesare il cibo

Dieta della frutta come funziona quanto dura

Quella della frutta è una dieta semplice da seguire e per questo molto apprezzata. Il vantaggio principale risiede nella possibilità di mangiare senza pesare il cibo.

In questo modo il regime diventa semplice da seguire anche fuori casa e in presenza di orari non ben definiti. Non sono infatti note difficoltà nel reperire il cibo anche nei casi in cui ci sia necessità di pranzare o cenare fuori casa.

Entriamo dunque più nel dettaglio e capiamo insieme quali cibi possono essere consumati.

I principi della dieta

Come il nome stesso suggerisce, la dieta ruota attorno al consumo di frutta. Essa è consigliata non solo per placare eventuali attacchi di fame, ma anche per facilitare alcuni naturali comportamenti del nostro organismo.

Il consumo di ananas, ad esempio, favorisce lo scioglimento dei grassi; mentre l’anguria stimola le funzioni diuretiche e permette di smaltire eventuali sali accumulati nell’organismo. In generale, tutta la frutta depura l’organismo, stimola le funzioni intestinali e stimola dunque una serie di benefici.

Ecco i prodotti per dimagrire a base di frutta:

Garcinia Optima, la nostra recensione

Centrifugati dimagranti, ecco come prepararli

La dieta si sviluppa attraverso tre differenti fasi.

La prima ha una durata compresa tra i 7 e i 10 giorni ed è da intendersi come periodo di disintossicazione. Durante questa fase si consiglia il consumo solo di frutta, meglio se di stagione e non trattata. Tra i frutti migliori troviamo fragole, albicocche, ciliegie, pesche, meloni, prugne, angurie.

Nel periodo compreso tra l’undicesimo e il ventesimo giorno in maniera graduale potranno essere re-introdotti gli altri alimenti. Inizialmente si dovranno privilegiare carni bianche e pesce azzurro, pian piano con attenzione e moderazione si potrà tornare ad un regime classico.

Questo ultimo periodo appare molto importante, dal momento che servirà a definire e stabilire la propria cultura alimentare. Sarà quindi importante per prima cosa assicurare al corpo almeno due litri di acqua al giorno, poi continuare a consumare frutta meglio se lontano dei pasti, e poi naturalmente bilanciare i vari cibi assunti.

Cosa tenere a mente

Se questa dieta vi affascina non vi resta che iniziare a seguirla. Per avere un’idea di menù considerate che la soluzione migliore è quella di sostituire la prima colazione con una razione di frutta.

E’ consigliabile consumarne di un solo tipo per volta, senza aggiungere zucchero, miele e simili. Nella prima fase, anche i pasti dovranno prevedere un tipo di frutta per volta a volontà.

Se proprio non riuscite a consumare tutta questa frutta, ricordate di ricorrere a frullati o centrifugati. Superata la prima fase di urto, si potrà iniziare ad inserire un pastop standard al giorno.

Bisognerà chiaramente optare per prodotti light, prosciutto cotto e verdure ad esempio, pesce azzurro ed insalata verde il tutto condito da abbondanti dosi di limone.

Quale frutta scegliere

Come già accennato, ogni frutto ha delle peculiarità e facilita alcune funzioni dell’organismo, analizziamo quindi più nel dettaglio le varie caratteristiche.

Le ciliegie spiccano per le loro doti purificanti, rinvigorenti, per la loro capacità di stimolare le funzioni intestinali e del fegato. E’ tuttavia necessario no  superare la dose quotidiana di 2 kg di prodotto al giorno per non incorrere in sgradevoli fastidi.

Ricordate anche che è bene non bere troppo se si stanno mangiando quantità importanti di questa frutta. Al pari delle ciliegie, anche le fragole risultano essere particolarmente apprezzate. Esse spiccano per le loro proprietà diuretiche e lassative, e sono anche in grado di stimolare la vitalità e sconfiggere la stanchezza.

In caso di diarrea, nervosismo, insonnia, mancanza di appetito, sono invece da consigliarsi le albicocche. L’unica restrizione è relativa al fatto che alcuni soggetti non ne tollerano il consumo abbondante, evitate quindi di esagerare con le quantità.

La scelta è davvero ampia dal momento che a questi frutti se ne aggiungono altri come mele, pere, meloni, angurie, banane, prugne, nespole e chi più ne ha più ne metta.

Il consiglio è quello in primis di selezionare ove possibile frutta di stagione, in modo di poter contare su un prodotto assolutamente fresco.

In secondo luogo come per ogni cosa è bene seguire i propri gusti e le proprie preferenze. Mangiare qualcosa che ci piace è infatti il modo migliore per affrontare in maniera leggera e con il sorriso qualsiasi tipo di dieta.

Non vi resta quindi che iniziare subito con questa dieta leggera ma sicura ed efficace!