Home / Diete / La dieta dissociata, scopri le combinazioni alimentari che fanno dimagrire davvero

La dieta dissociata, scopri le combinazioni alimentari che fanno dimagrire davvero

Dieta dissociata fa dimagrire - pro e contro, combinazioni alimentari
La dieta dissociata è un regime alimentare che permette di ottimizzare la propria forma fisica in poco tempo e senza troppi sacrifici.

La teoria alla base della dieta è il corretto accoppiamento dei cibi. La prima apparizione del regime si colloca nel 1931, ad opera del dottor Willian Howard Hay.

Da allora una serie di autori hanno ripreso e rimodulato questa teoria. Complici i numerosi vip che l’hanno seguita, la dieta ha suscitato molto interesse anche nella nostra nazione dove ha trovato numerosi proseliti.

Capiamo meglio principi generali e modalità di applicazione della dieta dissociata.

I principi generali

La regola base, come accennato, risiede nella necessità di accostare gli alimenti considerando alcuni importanti fattori.

Si consiglia, ad esempio, di consumare nello stesso pasto solo un piatto che dovrebbe preferibilmente includere alimenti della medesima categoria.

A livello pratico, quindi, è bene non mettere insieme cibi ricchi di proteine e altri di carboidrati o zuccheri. Allo stesso modo, è sempre preferibile scegliere carne o pesce, senza consumarli entrambi durante lo stesso pasto.

Contemporaneamente, si consiglia di non consumare la frutta o il dolce a fine pasto: meglio lasciarli per la merenda, da soli.

Dimagrisci più velocemente:

Aloe Ferox e Piperina e Curcuma Plus, due integratori al prezzo di uno

Importanti avvertenze sono da tenere in considerazione anche riguardo la distribuzione delle sostanze nel corso della giornata. I carboidrati, ad esempio, non devono essere consumati dopo le 16, e la cena deve essere più frugale del pasto.

Il principio è quindi quello di non affaticare l’intestino, facendo sì che lo stesso lavori solo ed esclusivamente su un processo digestivo per volta.

Alcuni esempi di dieta

Cerchiamo adesso di capire a livello pratico come organizzare i pasti e i menù se avete intenzione di seguire la dieta dissociata. Proponiamo dunque una dieta giorno per giorno.

Il primo giorno prevede una colazione a base di latte scremato e cereali; uno spuntino a metà mattinata con una spremuta di pomplemo. Per pranzo sono consigliati 80 grammi di pasta al pomodoro e 150 gr edi carote crude. Un frutto a scelta verrà consumato per merenda, mentre a cena ci si può concedere 150 grammi di polpo lesso.

Passiamo dunque al secondo giorno. Esso prevede una colazione con yogurt magro e un caffè di orzo e uno spuntino con spremuta di agrumi. Per pranzo si consiglia il consumo di 150 grammi di sentice con insalata verde e abbondante limone, mentre per merenda ci si può saziare con due pezzi dello stesso frutto. Per cena si consiglia il consumo di crema di carciofi e patate.

Il giorno dopo, ossia il terzo giorno, consigliamo a colazione uno yoghurt, 1 mela per spuntino, 80 gr di risotto con i funghi e insalata verde per pranzo. Arriviamo dunque alla merenda, con una spremuta di arancia, e alla cena che prevede 150 gr di scaloppine al limone e una insalata di invidia.

Il quarto giorno sarà possibile consumare 1 bicchiere di latte con cereali per colazione, una spremuta a metà mattina; 150 gr di petto di pollo ai ferri per pranzo. La merenda prevede il consumo di una pesca, la cena sarà a base di 80 grammi di tonno in scatola con insalata verde, il tutto innaffiato da abbondante limone.

Scopri altre diete per tornare in forma:

Dieta scarsdale, come funziona e programma giornaliero

Dieta del supermetabolismo, come dimagrire mangiando i cibi giusti

Dopo aver fatto una carrellata di possibili menù, capiamo insieme come sia possibile accostare le pietanze.

In questo modo da soli potrete organizzare i vostri pasti.Considerate che è possibile mettere insieme formaggi e ortaggi; ortaggi e pesce e uova; cereali e ortaggi; legumi e ortaggi.

Non bisogna invece accostare il latte ad altri alimenti; lo yogurt alle proteine; il formaggio con la frutta; il pesce o le uova con la frutta.

Seguire questo regime dunque permette di dimagrire in poco tempo anche se, è bene ricordarlo, è importante considerare con attenzione i vari accostamenti. Questo regime è efficace.

Permette di dimagrire e di perdere fino ad un massimo di 5 kg in una settimana, ma anche di agevolare la digestione attraverso un corretto accostamento. Risponde quindi alle ultime correnti diffuse in campo salutistico, e indirizza verso una corretta alimentazione.

Non mancano sicuramente le critiche verso un regime di questo tipo, tuttavia se seguita per tempi limitati (massimo 20 giorni consecutivi) non avrà nessuna conseguenza negativa.

La varietà infatti è garantita, la dieta appare sana ed equilibrata e provarla non può far altro che essere invitante. Non si riscontrano nei soggetti che l’hanno seguita per 20/30 giorni problemi o conseguenza negative di nessun tipo.


error: Content is protected !!