Home / Diete / Dieta da 1400 calorie

Dieta da 1400 calorie

Dieta 1400 calorie

Volete iniziare il nuovo anno con i classici buoni propositi e una corretta alimentazione, magari che vi porti a perdere qualche chilogrammo di troppo, è uno dei vostro obiettivi per il 2017?  Forse la dieta da 1400 calorie è proprio ciò che fa al caso vostro!

Proponiamo oggi una dieta ipocalorica tale da garantire un apporto calorico pari a 1.400 calorie e che, oltre a permette di dimagrire qualche chilogrammo, consente anche di ottenere buoni risultati in termini di corretta alimentazione, con effetti dunque visibili anche su pelle e salute a 360 gradi.

Prima di entrare più nel dettaglio, un solo avvertimento: se la vostra corporatura è robusta, questa dieta potrebbe essere troppo restrittiva, meglio optare per un’altra soluzione.

Allo stesso modo, se soffrite di pressione bassa, testate questa dieta inizialmente nel week end o in un periodo in cui non avete molte cose da fare.

Dieta da 1400 calorie: come distribuire le calorie

La prima cosa da valutare è la necessità di distribuire le calorie durante la giornata in maniera corretta. Il consiglio è quello di destinare 300Dieta 1400 calorie calorie alla colazione (per iniziare in maniera corretta la giornata, fornendo la giusta dose di energia al corpo), altrettante al pranzo.

Un regime di questo tipo sembra essere particolarmente indicato per chi lavora e dunque ha poco tempo a disposizione da dedicare al pasto, oppure a chi non vuole appesantirsi con pasti importanti per non perdere la concentrazione (e favorire l’abbiocco) durante le ore pomeridiane di attività lavorativa, in ufficio o fuori sede.

A metà pomeriggio, la merenda prevede 100 kcal circa, nonostante l’apporto calorico ridotto si tratta di un pasto molto importante dal momento che permette di arrivare a sera senza particolari difficoltà.

Per cena sarà possibile assumere sino a 700 calorie, l’ultimo è quindi il pasto più sostanzioso, durante il quale anche palato e stomaco vengono ricompensati per le privazioni nel corso della giornata.

Vi forniremo di seguito alcuni esempi che vi daranno la possibilità di comprendere cosa preveda il regime, ma potete anche da soli ideare un vostro piano alimentare attraverso un adeguato conteggio delle calorie e privilegiando chiaramente alimenti sani e con pochi coloranti e conservanti.

Se state pensando di realizzare un vostro piano personale, ricordate di eliminare i grassi e le fritture, privilegiando i cibi cotti ai ferri o al vapore. Devono essere eliminati, invece, il latte intero e i suoi derivati; cereali lavorati come grissini e crackers, carni grasse come ad esempio le frattaglie (in generale il consiglio è quello di eliminare le parte di grasso da qualsiasi tipo di grasso), pesce sott’olio come tonno o sgombro, salumi ed insaccati.

Sono invece da evitare del tutti i dolci, gli snack dolci, gli alcolici, le bibite gassate o zuccherate, la frutta secca, i fichi, le patate e i legumi.

In generale, tenete anche in considerazione che se necessario è possibile in alcuni casi alzare l’asticella delle calorie assunte, ricordando però di pagare pegno con una corretta attività fisica.

Tenete a mente che una dieta di questo tipo è ipocalorica, per questo motivo non tutti i corpi sono in grado di reggerla a lungo. Provate dunque il regime che trovate di seguito ma in caso di malesseri, abbassamenti di pressione, giramenti di testa e debolezze sospendete immediatamente.

Dieta da 1400 calorie: i pasti

Iniziamo con il primo pasto della giornata, importante perché fonde della prima energia del giorno. In base a quelle che sono le proprie esigenze e abitudini, sarà possibile valutare una delle opzione che proponiamo di seguito.

Se siete abituati a consumare del caffè a colazione potete berlo con 125 grammo di yogurt intero naturale e 3 fette biscottate integrali; in alternativa potete concederci del caffè. 200 cl di latte parzialmente scremato e 200 kcal di biscotti.

Qualora invece preferiate del tè, potete consumarlo con un vasetto piccolo di yogurt bianco e 200kcal di biscotti; a ancora con una barretta sostitutiva tale da garantire un apporto pari a 250 kcal circa.

Non potete proprio rinunciare al latte con il caffè? Potete consumarlo con 40 grammi di cereali, ricordando sempre di utilizzare latte scremato. Un’alternativa, è quello di sostituire i cereali con una barretta energetica.

Arriviamo in questo modo al momento del pranzo, che prevede il consumo di 300kcal circa. E’ possibile consumare circa 60 grammi di pasta al pomodoro, tali da garantire circa 50 calorie e un vasetto di yogurt magro o al massimo alla frutta.

Se non amate la pasta o comunque non volete consumarla a pranzo, potete optare per 70 grammi di prosciutto crudo e 30 grammi di pane, al quale aggiungere se volete uno yogurt alla frutta.

Se preferite il pesce, potete sostituire il prosciutto con del salmone al naturale o optare per 100 grammi di bistecca e una insalata poco condita.

E’ possibile anche optare per un vasetto di yogurt intero naturale, da consumare con una porzione di frutta (eventualmente da immergere nello yogurt magro), o ancora per un tè al quale aggiungere una barretta e una mela. In questo caso la barretta dovrà avere un apporto massimo di 250 kcal.

Arriviamo in questo modo allo spuntino. la frutta è senza dubbio una delle soluzioni migliori. E’ possibile in questo caso concedersi 200 grammi di banana o 250 di mela, ma va bene anche un vasetto di yoghurt alla frutta, o una barretta, meglio se consumata con una bevanda calda.

Per cena, invece, sarà possibile consumare 200 gr di verdura, 25 gr di pane, 10 grammi di olio per condire i 120 grammi di pollo magro, 150 gr di nasello, 75 grammi di bresaola, 50 gr di mozzarella da consumare con del Bel Paese.

Durante la giornata, ricordate in ogni caso di consumare almeno 2 litri di acqua, meglio se lontano dai pasti. E’ bene svolgere anche una corretta attività fisica. Trattandosi di un regime ipocalorico, è bene non esagerare con l’attività fisica, soprattutto se non siete abituati.

Il consiglio è dunque quello di non partire in quarta con dieta e palestra, è meglio infatti iniziare con un allenamento non troppo invasivo. Pian piano poi, una volta che anche il corpo si sarà abituato a questa alimentazione limitata, potete innalzare l’intensità e la durata dello sforzo e passare ad esempio ad una attività aerobica vera e propria.

Durante l’allenamento non fatevi tentare da bibite dolci, consumate al massimo bevande energizzanti rigorosamente light.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!