Home / Diete / Dieta dell’acqua: caratteristiche e benefici

Dieta dell’acqua: caratteristiche e benefici

Dimagrire con la dieta dell'acqua

L’acqua, si sa, è un elemento molto importante, fondamentale per mantenere sano e giovane il corpo umano.

Alla luce dell’importanza dell’acqua, è stata ideata una vera e propria dieta dell’acqua, che sfrutta proprio i benefici del liquido anche per dimagrire, sfruttando sia i suoi effetti che il suo potere saziante.

Come sfruttare l’acqua per dimagrire

Ci sono alcune piccole azioni quotidiane che permettono di perdere sino a 4 kg in soli sette giorni. La prima cosa da fare è bere almeno due litri di acqua al giorno, meglio se lontano dai pasti o appena prima di essi.

Bere un abbondante bicchiere di acqua, infatti, fa in modo che il soggetto si senta sazio e mangi quindi meno durante il pasto. Il potere saziante è ancora più immediato se si sceglie di bere dell’acqua frizzante.

Questa abitudine diventa ancora più importante con il primo pasto della giornata: bere acqua a stomaco vuoto appena svegli aiuta infatti a depurare l’organismo, meglio ancora se l’acqua viene consumata tiepida o con del limone aggiunto.

Il legame tra acqua e dimagrimento è talmente tanto noto, condiviso e accettato, che molte modelle addirittura nei giorni prima delle sfilate bevono fino a cinque litri di acqua proprio per migliorare non solo la linea, ma anche l’aspetto della loro pelle che appare subito più luminosa e liscia.

Desideri migliorare la tua pelle?

Le Reel è il prodotto per te! Scoprilo subito

Attenzione perché comportamenti di questo tipo sono assolutamente da evitare dal momento che rischiano di affaticare oltremodo i reni e potrebbero causare altri tipi di problemi.

L’acqua, però, non è da intendersi come l’unica fonte di idratazione, dal momento che anche frutta e verdura garantiscono idratazione, ma anche vitamine e antiossidanti.

No, invece, alle fritture e agli alimenti troppo salati e alla carne rossa consumata in abbondanza.

Attenzione invece ai caffè: bisogna consumarne al massimo due al giorno, comunque entro le 15.00, sostituendo le pause pomeridiane con tisane o tè. Queste ultime bevande sono molto utili e hanno un alto potere drenante.

In commercio è possibile reperire delle Tisane dichiaratamente dimagranti, tuttavia in generale è possibile affermare che tutte le tisane stimolino dimagrimento e depurazione in quanto liquidi.

Dieta dell’acqua: il programma giorno per giorno

Dieta acqua e limoneEsiste anche una dieta specifica che ruota attorno ai benefici dell’acqua e e prende il nome proprio di “dieta dell’acqua”.

Analizziamo le caratteristiche di questa dieta bilanciata giorno per giorno, chiarendo anche la necessità di rispettare i consigli dati nel paragrafo precedente.

Il primo giorno per colazione si dovrà consumare un vasetto di yogurt e un frutto, per pranzo 70 grammi di pasta meglio se integrale e 50 gr di ricotta di mucca, per spuntino vanno bene un paio di fette di melone, per cena 150 grammi di petto di pollo alla griglia con delle zucchine meglio se cotte al vapore.

Per il giorno numero due proponiamo invece una spremuta di agrumi e due fette biscottate integrali; 80 grammi di riso con poco olio e una spruzzata di parmigiano reggiano e una insalata mista con poco olio aggiunto; un frutto a merenda e una insalata mista con 80 grammi di tonno senza olio per cena.

La dieta del giorno successivo propone invece 150 ml di latte scremato con fiocchi di cereali, per pranzo 250 grammi di salmone al vapore e 50 grammi di pane integrale. Lo spuntino prevede una tazza di tè verde, mentre per cena ci si potrà concedere fino a70 grammi di pasta integrale con gamberi e zucchine.

Il giorno dopo sarà il turno di un frutto a colazione, un pranzo con una orata al cartoccio e una insalata mista, uno yogurt magro sarà protagonista dello spuntino, accompagnato da una fetta di anguria; un passato di verdure per cena accompagnato da 50 grammi di formaggio magro e 60 grammi di pane integrale.

Proseguiamo con un altro giorno: la colazione prevede una tazza di tè verde addolcito con del miele; il pranzo 80 grammi di pasta al pesto; uno spuntino con una mela; una cena con insalata mista e due uova soda.

Concludiamo con gli ultimi due giorni. Uno prevede un vasetto di yogurt a colazione; un pranzo a base di 80 grammi di orecchiette e 50 grammi di crescenza, un frutto per spuntino e una insalata mista (con mais e uova sode) per cena.

L’ultimo giorno di dieta prevede invece una tazza di tè a colazione; 80 grammi di riso integrale con del parmigiano per il pranzo; uno yogurt e un frutto per merenda e 100 grammi di bresaola per cena.

Problemi di vene varicose?

Acquista ora Vary Forte!

Stando alle indicazioni del dottor Sorrentino, è necessario accostare a questo regime un utilizzo corretto di acqua. In totale i bicchieri di acqua da assumere Menu acqua e dietasono 8, che dovranno essere consumati in quantità di due prima di ognuno dei tre pasti principali, gli altri due bicchieri potranno invece essere consumati a piacere.

Una dieta di questo tipo dovrebbe portare non solo ad un importante dimagrimento, ma anche un miglioramento delle funzioni metaboliche. In realtà è opportuno evidenziare che il miglioramento avviene solo se cresce la quantità di acqua assimilata.

Se dunque avete già l’abitudine di bere due litri di acqua al giorno, per beneficiare dei vantaggi di questa dieta dovreste arrivare a bere tre litri di acqua al dì. Alla luce di questa considerazione, è possibile affermare che la dieta è un regime a cui ricorrere solo ogni tanto dal momento che provoca assuefazione in sole poche settimane e non è possibile aumentare la quantità di liquidi assunti senza gravare su reni e altri organi.

Abbiamo parlato con Maria Giovanna, una bella signora quarantenne che ha avuto modo di testare questa dieta:

“Mi sono affidata ai consigli del dottor Sorrentino e ammetto di aver perso grazie alla sua dieta 4 chilogrammi in sole due settimane. Non ho avuto particolari difficoltà nel seguire la dieta che è tutto sommato semplice e non fa soffrire la fame; l’unico cambiamento importante è stato legato proprio all’accresciuto consumo di acqua e di tisane in genere. Mi è bastato regolare un pochino l’alimentazione dei giorni successivi per non recuperare subito i chili persi quindi posso dire che, almeno su di me, questa dieta ha avuto successo”.

A questo punto non vi resta che provare per scoprire come il vostro corpo possa reagire ad una aumentata quantità di acqua introdotta.


error: Content is protected !!